CHECKCSV – Controlla se il tuo CSV è OK x Scambio File

Cos’è CHECKCSV?

E’ un file di Excel e funziona sotto Excel 2007 o successivi. Di fatto ci permette di sapere, con un buon margine di errore,  se i nostri file CSV sono compatibili per Scambio File e se possono essere elaborati col mio sistema di migrazione.

Provo a farti qualche esempio per farti capire il suo funzionamento:

I file CSV che devono essere elaborati da Scambio File, devono avere determinati campi OBBLIGATORI.

Tra questi non possiamo non avere ad esempio:

 

  • Action
  • Title
  • Description
  • Quantity
  • StartPrice
  • UPC
  • Format
  • Category
  • Currency
  • PicURL
  • Duration

La lista potrebbe continuare ancora ma mi fermo qui. Ti ho elencato i campi di maggior importanza. Questi che ti ho elencato sono solo alcuni. Poi ovviamente, in funzione del tipo di oggetto e della categoria, nascono nuovi campi obbligatori. Inoltre, la presenza di questi campi non è sicurezza certa di una buona riuscita, in quanto ogni campo richiede un preciso tipo di dato di inserimento. Ti faccio un esempio: Startprice deve essere solo in formato numerico, così come Quantity. UPC deve essere formato da numeri che generalmente rappresentano il codice EAN. Currency riguarda la valuta ed è un codice formato da 3 caratteri e via dicendo.

Come puoi vedere, ogni campo richiede una specifica voce scritta in un preciso modo.

Per questo motivo ho creato il file CHECKCSV che di fatto ci dà al 90% (in quanto il 100% lo abbiamo solo dopo che carichiamo il file su SCAMBIO FILE) la risposta se il nostro file è pronto per essere elaborato con il mio Sistema di Migrazione da Turbolister a ScambioFile.

Vediamo come funziona il programma e come deve essere utilizzato.

Innanzitutto abbiamo bisogno di avere i file CSV. Se ancora non l’hai fatto, ti chiedo di seguire la procedura per esportare i file CSV da Turbolister così come descritto in questa pagina DA TURBOLISTER A SCAMBIO FILE che spiega in dettaglio cosa occorre fare.

Se invece sei già in possesso dei CSV procediamo.

Per funzionare bene, CHECKCSV ha bisogno di tre file così come spiegato in PROCEDURE. Questi file sono:

  1. SF_NODESCR.csv (Sarebbero le inserzioni esportate da TL in “Formato Scambio File” con tutti i campi senza La Descrizione)
  2. SF_DESCR.csv (Sarebbero le inserzioni esportate da TL in “Formato Scambio File” con solo il campo Descrizione)
  3. TURBOLISTER.csv (Sarebbero le inserzioni esportate da TL in “Formato Turbolister” con tutti campi senza il campo Descrizione)

Perchè tre esportazioni anzichè una sola? Ho voglio di complicarmi la vita? Forse a volte si 🙂 Ma non è questo il caso!!CHECKCSV x Scambio File

Vengo subito al dunque e provo a spiegarmi con chiarezza.

Innanzitutto esporto in “Formato Scambio File” perchè è il tipo di formattazione che mi serve per poi poterlo usare successivamente. Capita a volte (raramente per fortuna) che la Descrizione dell’inserzione sia talmente lunga, che sconfini nei limiti che può contenere excel e quindi possa “sconfinare” negli altri campi, inficiandone così la validità. Per questo motivo i primi due file in “Formato Scambio File” li esporto con e senza descrizione in maniera separata.

CHECKCSV x Scambio FileA questo punto a cosa mi serve il “Formato Turbolister”? Questo formato lo utilizzo in quanto mi da delle informazioni che il Formato Scambio File non mi da. Per l’esattezza lo uso per i campi:

  • PhotoOneURL
  • Variations

PhotoOneURL  rappresenta la foto della mia inserzione. Può capitare che il campo PicURL sia vuoto, in quanto l’immagine non è stata caricata da un link presente in un indirizzo web, ma è stata caricata direttamente da computer, da una cartella dove era residente l’immagine. In quel caso, e solo in quel caso, non troverò il campo PicURL popolato, bensì troverò l’informazione sulla mia immagine nel campo PhotoOneURL e questo campo non lo da il Formato Scambio File, ma solo il Formato Turbolister.

La stessa cosa vale per il campo Variations. Cioè le eventuali varianti di una inserzione non si trovano in Formato Scambio File ma solo nel Formato Turbolister.

Eccoti spiegato, il perchè chiedo l’esportazione nei due differenti formati e in tre file separati, in quanto ognuno ha delle caratteristiche ben diverse.

Una volta che abbiamo i tre file e li abbiamo esportati in una cartella, andiamo a scaricare il file CHECKCSV  e salviamolo nella stessa cartella.

Quindi se hai fatto tutto correttamente, nella stessa cartella avremo i seguenti 4 file:

  1. SF_NODESCR.csv
  2. SF_DESCR.csv
  3. TURBOLISTER.csv
  4. CHECKCSV.xlsx

A questo punto apriamo inizialmente i primi tre file e successivamente apriamo CHECKCSV.xlsx.

Se hai fatto tutto correttamente e tutti i valori sono corretti dovresti avere una schermata del genere.

 

CHECKCSV x Scambio File

Questo è il caso in cui tutti i campi sono corretti e quindi puoi utilizzare il mio Sistema di Migrazione da Turbolister a ScambioFile quasi immediatamente.

Potresti avere poi il caso in cui ti può comparire una schermata del genere:

CHECKCSV x Scambio File

Anche in questo caso non c’è nessun errore. Il programma semplicemente ti sta avvisando con delle Note Informative, ma non rappresentano errore. In questo esempio sta dicendo che manca il campo UPC e che quindi verrà sostituito con la voce “Non Applicabile” e che l’immagine è solo presente su Turbolister e non in Scambio File e che quindi verrà prelevata dal file di Turbolister. Tutte le note che trovi a sinistra della schermata sotto la dicitura “CAMPI CON NOTE, MA NON SONO ERRORI” non rappresentano un problema e non sono un errore. Per cui i file sono corretti e possono essere elaborati.

Poi c’è il caso in cui può spuntare una schermata del genere.

CHECKCSV x Scambio File

In questo caso come vediamo anche dal colore della cella a destra (ROSSO) abbiamo la presenza di un errore. Se leggiamo la stringa in giallo in basso leggiamo che l’errore è dovuto al Campo Descrizione. Come puoi notare, a destra di questa stringa, c’è anche una colonna dove sono incolonnati i CODICI ERRORE. Se clicchi sopra il codice errore ti aprirà la pagina dedicata alla LEGENDA DEGLI ERRORI che ti spiega per filo e per segno perchè è uscito quell’errore e come si può rimediare.

Ci tengo a precisare, come ho già detto all’inizio di questa pagina, che CHECKCSV non può prevedere tutti gli errori. Se DAVVERO vuoi essere sicuro che il tuo file CSV è utilizzabile con Scambio File, ti chiedo di fornirmelo attraverso questo FORM DI INVIO CSV, così che io possa elaborarlo per te.

Puoi mandarmi fino a 10 inserzioni. Io li inserirò nel mio profilo demo e, se saranno pubblicabili, li terrò online giusto il tempo che tu possa vederli e poi li chiuderò.

Ad ogni modo, il file CHECKCSV può essere un buon modo per levare la maggior parte degli errori che possiamo incontrare nella realizzazione del nostro CSV.

 

SCARICA ADESSO CHECKCSV